venerdì 26 agosto 2016

Simply Toots - Toots Thielemans


Se penso al Belgio
a parte la cioccolata la birra e il circuito di Spa,
non è che ci sia un granché da dire,
ma se penso ai belgi uno su tutti,
l'unico che mi viene in mente
è senz'altro lui, Toots Thielemans.
Questo omino eclettico e simpatico
ci ha cullato con la sua magica armonica
per decenni e dopo la notizia del suo ritiro di 2 anni fa,
ecco purtroppo quella della sua morte, lo scorso 22 agosto.

Morte dei giusti dobbiamo dire, infatti se n'è andato via nel sonno
alla veneranda sponda dei 94 suonati tutti e bene,
fino all'ultimo respiro.
Era anche un ottimo chitarrista ma soprattutto
era/è la Hohner cromatica più famosa al mondo.

Classe 1922, ha iniziato a giocare con l'armonica
all'età di 3 anni poi più grandicello,
anche con la sua prima chitarra vinta a una scommessa.

Durante l'occupazione tedesca ha raccontato di essersi difeso
con la musica facendosi contaminare dal virus del Jazz, la sua grande passione.
Il suo primo idolo era Django Reinhardt (fenomenale ed eclettico chitarrista dell'epoca)
e molto presto scopre anche Charlie Parker.

Dopo la guerra si unisce a Benny Goodman in un tour europeo nel 1950
che subito dopo lo porterà ad immigrare negli Stati Uniti nel '52
diventando prima un membro del Charlie Parker All Stars
e poi per 6 anni con il George Shearing Quintet.

Che fossero colonne sonore, canzoncine buffe o Jazz del più raffinato,
rimaneva impresso per sempre con quella armonica mai sentita prima.
Nessuno allora si era spinto così avanti, nessuno lo riteneva
uno strumento "nobile" anzi,
faceva parte della categorìa "strumenti diversi".

Ma lui non solo smentì tutti i farisei del pentagramma
creò uno stile ancora più sonvolgente : chitarra & fischio all'unìsono
"Bluesette" (1962) divenne la prima HIT mondiale... col fischio.
Genio assoluto? No, semplice naturalezza (per lui).
Da qui in avanti fu un successo dopo l'altro.
Lo hanno cercato chiamato e amato tutti i più importanti musicisti
in ogni angolo della terra e per ogni genere di collaborazione
sia dal vivo che in studio.
Si dice che non avesse nemici tanto erano disarmanti la sua bravura
l'umanità e la disponibile simpatìa
un vero esercito di innamorati/appassionati del suo unico
e inconfondibile sound e della sua contagiosa simpatìa.

La nostra generazione lo scoprì verso il '70 nel film "Midnight Cowboy"
(Un uomo da marciapiede) e poi in tv nel '74
nella sigla di "Milleluci" con Mina e Raffaella Carrà
dirette dal grande Antonello Falqui
dove Toots appariva nella sigla finale "Non gioco più".

Non voglio tediarvi e tralascerò premi e lauree ad honorem
però DEVO citarvi alcune delle sterminate collaborazioni
che solo a leggerle mi vengono i brividi:

Quincy Jones, Ella Fitzgerald, Charlie Parker, Dizzy Gillespie
Ray Charles, Oscar Peterson, Benny Goodman
Frank Sinatra, Bill Evans, Elis Regina, Chico Buarque
Gilberto Gil, Milton Nascimento, Djavan
Herbie Hancock, Pat Metheny, Jaco Pastorius, John Scofield
Lionel Richie, Billy Joel, Mina, Caterina Valente
Diana Krall, Natalie Cole, Mia Martini
Dianne Reeves, Franco Cerri
e questi sono solo i più famosi.

Una carriera veramente intensa poi si sa, gli acciacchi.....
e si deve frenare rallentare o fermarsi.
Così anche Toots (soprannome sin da ragazzino)
ha dovuto riporre la sua magìa e guardare dalla finestra.
I problemi polmonari lo hanno costretto a ridurre viaggi e concerti
ma paradossalmente il suo spirito indomito aumentava
e cercava in ogni modo di ribellarsi al silenzio.

Toots ha raccontato del dolore ai polmoni e di aver cercato di suonare lo stesso
in ogni modo, usando perfino una pompetta da cucina
poi, visto il dolore alle mani ha dovuto rinunciare e buttarla
così un giorno che ha fatto......
Ha acceso il phon...ed ha iniziato a soffiare con quello.

"Si in effetti avevo risolto il mio dolore ai polmoni e alle mani
ma più tardi ...ho avuto quello della bolletta"...

che possiamo dire...arrendiamoci!

Buon viaggio signor Jean Baptiste Thielemans, ciao mitico Toots
e grazie di "Tootte" le risate e le emozioni





“I feel best in that little space between a smile and a tear” (Toots Thielemans)




Simply Toots - PlayList YouTube (11 Songs)